Leaving violence. Living safe

gen 2 • Centro Antiviolenza, Evidenza 1, Notizie • 204 Views • Nessun commento

L’11 dicembre alla Casa internazionale delle donne di RomIMG-20190102-WA0009a si è tenuto l’incontro conclusivo del progetto Ensuring meaningful access to services to refugee and asylum seeking women and girls  al quale l’Associazione Ananke di Pescara ha partecipato.

L’evento “Leaving violence. Living safe” ha messo in luce per la prima volta il percorso avviato dai centri antiviolenza per accogliere donne migranti richiedenti asilo e rifugiate sopravvissute alla violenza, avviato da D.i.Re Donne in rete contro la violenza, la più grande associazione nazionale che si occupa di violenza contro le donne, in partnership con l’Unhcr, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.

Si stima che oltre il 90 per cento delle donne migranti richiedenti asilo e rifugiate che sono arrivate in Italia passando dalla Libia e dal Mediterraneo abbiano subito violenza. Stupri, rapimenti, segregazione, lavoro forzato, torture. Molte di loro hanno assisto all’uccisione di altre donne e uomini, alla morte dei loro figli e figlie, dei mariti, di fratelli e sorelle, di amiche. Molte di loro sono vittime di tratta e sono state costrette a prostituirsi, lungo il percorso e in Italia.

Il progetto ha visto il coinvolgimento di 10 città: Palermo, Catania, Cosenza, Pescara, Roma, Arezzo, Ferrara, Padova, Milano e del territorio della provincia di Caserta.

L’evento ha offerto l’opportunità di ascoltare operatrici e mediatrici culturali che hanno curato l’accoglienza delle donne richiedenti asilo e rifugiate, mettendo a confronto l’esperienza vissuta nei diversi territori, condividendo le storie delle donne con cui è stato avviato un percorso per il superamento del trauma, analizzando gli ostacoli incontrati e le soluzioni adottate per superarli.

Soprattutto, è stato  un momento di riflessione – a partire dall’esperienza concreta – sull’impatto del Decreto Sicurezza e sulla risposta che l’Italia vuole dare a un fenomeno globale – quello della migrazione – da sempre connaturato al genere umano e che nelle forme attuali vede le donne subire violenze indicibili.

IMG-20190102-WA0008

Scarica qui il programma  Living-violenza-living-safe_11-dic-2018.pdf (14 download)

 

Related Posts

Comments are closed.

« »